La città dalle porte colorate – 31.12.2015

Sono tornato da Dublino da poche settimane.  porte-1024x768Cosa mi ha colpito nella sua architettura ?  Poche cose, in realtà.
Una di queste sono sicuramente le sue porte coloratissime, che danno alla città molta allegria .  Perchè sono colorate ? Azzardo qualche ipotesi: 1)- per distinguere la propria porta di casa da quella dei vicini, visto che le case sono molto simili tra loro; porte-colorate 2)- Con un cielo sempre grigio, e gli edifici pubblici sempre grigi, un po’ di colore ci vuole; 3)- In città si racconta che dopo la morte della regina Elisabetta, l’Inghilterra ordinò ai cittadini irlandesi (che erano ancora sotto l’egemonia inglese) di dipingere tutte le porte di nero3386065726_520a16987d per cordoglio nei confronti della regina. Ma gli irlandesi si ribellarono a tale volere dipingendo le porte di colori vivaci; 4)- A Dublino gli imbianchini bevono molta Guinnes.

Se qualcuno di voi ha un’altra risposta, me la invii.

3 pensieri su “La città dalle porte colorate – 31.12.2015

  1. Mario Martinelli

    Anch’io ho ammirato la vistosità di quelle porte coloratissime, caro Paolo – bentornato! – e credo che il motivo è tra tutti quelli che dici: li ho visti al pub bere l’ottima Guiness finché i loro nasi non diventavano paonazzi. Quei colori sgargianti li aiutano poi a trovare la loro celletta nell’alveare delle abitazioni. Approfitto, oggi 1 gennaio 2016, per augurarti buon anno.

    Rispondi
  2. antonio

    Siccome non solo gli imbianchini ma anche tutti i Dublinesi bevono molta Guiness quando tornano a casa possono riconoscere meglio la loro porta.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...