La fontana “musicale” – 29.06.2014

Sono a Parigi, ed ho deciso di andare a visitare il Beaubourg, quella splendida astronave fatta atterrare in centro città da Piano e Rogers la bellezza di 35 anni fa.   fontana igorMi appresto ad attraversare piazza Igor Stravinsky per arrivare agli ingressi del Museo, e mi imbatto inaspettatamente in una bellissima fontana-scultura.    Chiedo, e vengo a sapere che la gente la chiama Fontaine des automates, e mette in mostra dentro la sua grande vasca 16 colorate sculture in alluminio che si muovono grazie ai getti d’acqua; opere  di Jean Tinguely e Niki de Saint-Phalle.  La piazza, grazie a questa fontana, si trasforma in un luogo magico, dal fascino unico, particolarmente apprezzata dai bambini, ma non solo.           ………………………. ???????????????????????????????????????????????????????????????????????????Purtroppo in questo momento NON sono a Parigi, ma immedesimarmi nel turista di cui sopra, mi è servito per esemplificare alcuni degli elementi che mi piacerebbe animassero anche i progetti giocosi dell’architetto Stella: inusuali; stimolanti; che cambiano lo spazio in cui si inseriscono; che facciano sentir bene le persone che li guardano; tinguelyche le persone che li frequentano ci mettano perfino un nome, come ad un amico.  A me, e penso ad altri di chi mi legge,  è piaciuto imbattersi in quella fontana (è lì dal 1983) quando abbiamo percorso quelle strade; abbiamo sorriso; abbiamo goduto del movimento dell’acqua; delle figure insolite; abbiamo apprezzato il tanto pensiero che c’è stato per progettarla e realizzarla;  è stata una sorpresa, un regalo inaspettato; forse abbiamo voluto saperne di più su di essa; abbiamo apprezzato uno spazio fuori dal comune. Ci riuscirò a fare altrettanto ?  Sicuramente ci proverò !

2 pensieri su “La fontana “musicale” – 29.06.2014

  1. Mario Martinelli

    Condivisibile in pieno la tua intenzione, caro Paolo, con augurio sincero. Anch’io ci sono passato – davvero – perché nel 2008 avevo progettato – su invito dell’UNESCO che celebrava l’anno del bambino – questo gioco d’ombre, “Un mur pour l’enfance”. Jean Tinguely e Niki de Saint-Phalle erano, se non sbaglio, marito e moglie. Pensa che bel gioco dev’essere stato. (Scopro che non è previsto mandarti immagini, te la mando via email).

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...