Il mestiere di cercare la Felicità – 22.06.2014

Che cos’è la Felicità ?   Non è che adesso mi metto a competere con i grandi filosofi del passato e del presente per cercare una definizione più bella delle altre.  felicitàCerco solo di dire la mia.  Per me la Felicità è:  Essere soddisfatti di quello che si fa, cercando di metterci impegno nel farlo. Amare ed essere amati.  Cercare di costruire il proprio futuro, adattandosi alle difficoltà che si incontrano nel cammino.   Saper cogliere il tanto di bello che c’è intorno a noi, condividendolo con gli altri.  Rendersi consapevoli dei propri limiti, cercando di superarne qualcuno.  Prestare attenzione agli altri, non essere troppo concentrati su se stessi.   Partecipare ed essere solidali.   Continuare a studiare, a muoversi, a ricercare gente che può farti crescere.  Donare.  Accettare il nostro passato, accettare i nostri sbagli cercando di trarne insegnamento.  Non avere Paura (degli altri, delle cose che noncome-essere-felici conosciamo, dei nostri limiti, degli imprevisti, della crisi, ….).  Non appoggiarsi agli altri, ma procederne a fianco.  Non frequentare persone negative.   Usare le mani, e un po’ meno la testa.  Porsi obiettivi limitati per rafforzare la propria autostima, e porsi il raggiungimento di utopie per dare sale alla Vita.  Non avere fretta. Capire che essere felici non è un obiettivo, ma un percorso.  Insomma la Felicità per me è il “mestiere di vivere”, che perseguo ogni giorno, e che mi permette di avanzare un piccolo passo per volta (e qualche volta un passo indietro).  Buon lavoro a tutti !  Buona felicità a tutti !

 

2 pensieri su “Il mestiere di cercare la Felicità – 22.06.2014

  1. Mario Martinelli

    Hai detto niente!
    A seguire il tuo discorso, carissimo Paolo, uno dice: beh, fin qua ci sono – e gli nasce la speranza di arrivarci – ma proseguendo la via, si trova il trabocchetto col bivio: o segui la freccia verso gli “obiettivi limitati” (rafforzano l’autostima) o quella opposta delle “utopie” (sale della vita). E mentre sei nell’incertezza pensi anche che non dipende solo da te, per es. “non avere paura”, o “essere amato”. Insomma, questa Felicità che a volte pare la – quasi facile – “virtus” che sta “in medio”, altre volte ha i connotati di un’utopia alquanto erta e salata. Ti prego di non volermene se, conoscendo i miei limiti, non inseguirò la Felicità (pur nostalgico, di tanto in tanto, della sua malia) e mi limiterò a corteggiare un qualche grado di serenità. Un “mestiere di vivere” più alla mia portata, che spero mi lasci un po’ di tempo libero per… intrattenermi con l’ombra suggestiva.

    Rispondi
  2. fernando estrella

    coraggio Mario.
    la felicità ti sta attorno, Paolo ha cercato di farla vedere a tutti.
    non avere paura di essere felice.
    è contaminante, tutti possono essere felici in qualunque momento della vita e della giornata;
    a volte bisogna solo accorgesene.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...